ULISSE SAREBBE FELICE

 

Se Ulisse fosse un moderno Moutainbiker oggi Penelope starebbe intrecciando fili di carbonio attendendo il suo ritorno da chissà quale circuito…
 

Si avete capito bene.. tesserebbe Carbonio , perché la nostra tanto amata fibra, all’origine, si presenta con le stesse caratteristiche di un filato sottile (5-8 μm) che viene intrecciato fino a produrre un foglio la cui consistenza è comunque morbida, proprio come un tessuto; e proprio come un tessuto viene poi venduto e distribuito a pezze e bobine.
 

Il carbonio è un ottimo materiale, leggero, resistente e performante con il quale si può realizzare qualsiasi cosa, ovviamente con caratteristiche meccaniche diverse, dal paio di occhiali al telaio di una bicicletta o ai componenti che la completano sino ad arrivare a prodotti areonautici; il Boeing 787 ha l’intera struttura in fibra di carbonio e altri materiali compositi con un risparmio di peso di oltre 20%
 

Il segreto della Fibra sta nella lavorazione. Il filo della fibra di carbonio, è sempre lo stesso con le stesse caratteristiche sia che venga utilizzato nelle realizzazione di un oggetto d’arredo o per realizzare un telaio di una bicicletta da corsa di altissima generazione.
 

Più “pezzi” di tessuto vengono disposti nello stampo la cui forma è quella dell’oggetto da realizzare. Il posizionamento dei “pezzi” è molto importante, FONDAMENTALE, perché è questo posizionamento che determina le caratteristiche meccaniche del prodotto: l’orientamento dei fili di fibra deve essere nella direzione di applicazione delle sollecitazioni.
 

Giusto per onore di informazione… quella che Alchemist usa è una fibra a 18k che significa 18.000 fili di fibra per pollice quadrato con una finitura Unidirezionale, che è molto più delicata nella lavorazione ma che ha degli aspetti tecnici ed estetici di valenza superiore alle altre.

Tag Associati